Direkt zum InhaltDirekt zur Hauptnavigation

Progetto di automazione

Progetto di automazione

È arrivato: il robot a braccio articolato da impiegare nelle aziende di lavorazione delle materie plastiche di medie dimensioni!
I robot usati facilitano il passaggio all’utilizzo dei robot a 6 assi. Per la prima volta la ditta Gutwaldplastics GmbH+Co.KG utilizza robot a 6 assi nella rimozione automatizzata dei pezzi stampati. Il progetto realizzato dalla AGS Automation Greifsysteme Schwope GmbH comprende un sistema di presa, robot usati e griglie di protezione.

I processi di stampaggio automatizzati si sono diffusi largamente, per la maggior parte supportati da robot lineari. Anche le aziende che si occupano della lavorazione delle materie plastiche sanno che i robot a braccio articolato sono più performanti e soprattutto più flessibili, tuttavia questi non trovano una larga diffusione nelle imprese di piccole e medie dimensioni. Una questione di costi che ora trova risposta grazie ad una nuova offerta!

Robot a 6 assi: un investimento conveniente?
L’Ing. Stefan Gutwald, titolare della Gutwaldplastics GmbH+Co.KG, ha osato compiere il passo in avanti e vista la buona esperienza fatta gli è venuta “voglia di qualcosa di più”. Il suo primo robot a braccio articolato può fare molto di più di quello che lui pensava e non resterà da solo! Anche la Gutwaldplastics, costituita nel 2006 e specialista nella produzione di pregiati pezzi termoplastici a vista, fino ad oggi è ricorsa ai robot lineari che tuttavia sono sfruttati al massimo per le operazioni di “pick and place”. Le iniziali 12 presse a iniezione sono salite oggi a quota numero 33 nel nuovo capannone realizzato nel 2012, tutte dotate di rimozione automatizzata dei pezzi. Un team di 25 dipendenti offre un ventaglio di soluzioni complete, dalla prima prova di funzionamento fino all’assistenza completa per gli utensili, dalla lavorazione dei termoformati al loro confezionamento e imballaggio. Ad apprezzare tutto ciò sono soprattutto i produttori e i fornitori del settore automobilistico, oltre ai clienti dell’ingegneria medica e del settore del tempo libero. Le cose vanno bene, ma facendo delle previsioni, lo stato attuale della movimentazione di termoformati lascia poco spazio per future tirature. Il tema dei robot a braccio articolato era da lungo tempo tra i punti all’ordine del giorno dell’azienda finché un grave problema di spazio non l’ha portato alla ribalta in modo definitivo: l’altezza troppo bassa del soffitto sopra una pressa a iniezione multicomponente Battenfeld ha creato problemi di allestimento, aggravando in modo pesante il collegamento del robot lineare dando il via libera al primo robot a 6 assi.

Pratico: AGS offre una soluzione di sistemi di presa con robot usati!
Era necessaria una soluzione che comprendesse un sistema di presa con robot a braccio articolato e griglie di protezione. All’azienda è venuto un colpo quando ha visto le prime offerte per l’acquisto di una macchina nuova. Tuttavia, avendo aggiunto al proprio assortimento anche robot usati, AGS ha potuto offrire al cliente un robot a 6 assi di seconda mano. Il prezzo notevolmente più vantaggioso, anche rispetto al nuovo robot lineare, è stato convincente: il gruppo chiavi in mano offerto è stato adattato alla perfezione alla macchina dall’interfaccia EUROMAP, mentre il relativo FANUC M-16 iB/20 in condizioni quasi nuove è stato controllato e manutenzionato. Grazie ad un’ottimale progettazione l’ingombrante soluzione a braccio snodato è entrata perfettamente negli stretti spazi disponibili.

6 assi: produzione più conveniente con maggiore libertà di movimento e flessibilità!

Una volta installata ed integrata la macchina, i dipendenti della Gutwaldplastics hanno partecipato in loco ad una giornata di addestramento sul sistema di presa e la robotica. I tecnici AGS hanno effettuato tutti i passi necessari fino al rodaggio consegnando quindi un impianto pronto ad entrare in funzione. Operativo da soli due mesi, con le successive produzioni di pezzi stampati la macchina ha dischiuso gradualmente il suo grande potenziale che non si esaurirà ancora per lungo tempo. Con la libertà di movimento molto versatile dei 6 assi, un raggio d’azione di 1,70 m in combinazione con il preciso sistema di presa AGS PRECIGRIP facile da montare non solo è possibile rimuovere i pezzi termoformati ma anche eseguire in tutta semplicità e quindi in modo automatizzato anche altre fasi di pre- e post-lavorazione con un conseguente risparmio.
Ciò a portato già in tempi brevissimi a nuove commissioni, dichiara l’Ing. Stefan Gutwald. A cominciare dalla rifinitura dei canali di colata e dalla selezione dei pezzi nelle operazioni multiple, tra gli ampliamenti produttivi previsti rientrano anche la presa e il posizionamento degli inserti e lo spostamento dei pezzi prestampati in altre cavità. L’azienda sta pensando anche al monitoraggio video e ad altri processi di imballaggio. La gamma di fasi di lavorazione realizzabili è in crescita, il passaggio economico al robot a 6 assi non aiuta solo gli utilizzatori ma è anche il passo giusto verso il futuro. I pezzi stampati sono sempre più complessi e richiedono l’effettuazione di sempre più fasi di processo automatizzate direttamente sulla macchina. Nel medio termine la Gutwaldplastics sta prendendo in considerazione l’idea di espandere l’utilizzo del robot a braccio articolato, anche se per le produzioni di pezzi semplici l’automazione assistita dei robot lineari resta la prima scelta.

Ora è possibile: gruppi di presa AGS a 6 assi di seconda mano
Un modello per aziende simili di medie dimensioni? Certo. Perché la domanda di sistemi di rimozione dei pezzi da un unico offerente è sempre più grande. Così per Marc Schwope, titolare della AGS, è stata solo una conseguenza logica voler completare i propri sistemi prensili personalizzabili, oltre che con le stazioni di lavorazione, anche con un’offerta di robot. Proprio la combinazione con macchine di manipolazione a braccio articolato di seconda mano consente anche alle aziende di lavorazione delle materie plastiche di medie dimensioni di armarsi ad un prezzo conveniente per un futuro in cui i pezzi saranno ancor più complessi e i volumi delle partite sempre più piccoli.